<< Previous Next >>

tra farfalle e libellule


tra farfalle e libellule
Photo Information
Copyright: Roberto Innocenzi (cobra112) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 419 W: 53 N: 286] (6652)
Genre: Places
Medium: Color
Date Taken: 2009-05-20
Categories: Nature
Camera: Nikon D40X
Photo Version: Original Version
Date Submitted: 2009-05-28 14:18
Viewed: 1451
Favorites: 2 [view]
Points: 24
[Note Guidelines] Photographer's Note
Ai ragazzi di Mari.

Ho incontrato questo amico mentre cercavo farfalle. Se ne stava solo soletto nascosto sotto l'erba. Mi ha permesso di fotografarlo solo perhŔ sono rimasto lontano la lui. Sembra molto vicino, in realtÓ sono stato aiutato dall'obiettivo della mia fotocamera. Come vedete tirando fuori la lingua mi sta avvisando di essere comuque nervoso e di non disturbarlo oltre.

Mi raccomando quando andate in campagna fatevi accompagnare sempre dai vostri genitori, indossate scarpe robuste e soprattutto guardate sempre dove mettete i piedi. I serpenti non sono animali cattivi ma potrebbero diventare aggresivi ritenendo di essere in pericolo.

Roberto.

Nome Comune : Natrice dal collare

Regno:
Animalia

Phylum:
Chordata

Classe:
Reptilia

Ordine:
Squamata

Sottordine:
Serpentes

Famiglia:
Colubridae

Genere:
Natrix

Specie:
N. natrix

Lunghezza: 80-120cm, fino a 200cm. Femmine pi¨ grandi dei maschi. Squame in 19 file a metÓ tronco. Si tratta di un serpente piuttosto grande, con testa larga, ottusa e arrotondata, ben distinta dal resto del collo, e provvista di narici laterali e di occhi grandi con pupilla rotonda. Le squame della regione dorsale presentano una leggera carenatura, che comunque, di solito, non si estende sino alla coda. La colorazione vivace che caratterizza la specie nell'areale italico settentrionale, la rende inconfondibile con altre specie: il dorso Ŕ spesso verde o grigio chiaro, con numerose macchie nere che interessano la regione dorsale e i fianchi sino alla coda; spesso molti animali presentano due strisce chiare lungo il dorso. Le regioni ventrali, grigie o giallastre, presentano anch'esse una lieve macchiettatura scura. Appena dietro alla testa Ŕ presente un collare giallo acceso, bordato dia due macchie nere che si congiungono al centro del collo, che ha conferito il nome comune a questo rettile. Sebbene in altre zone del suo areale di distribuzione, questo collare sia di colore diverso, o, addirittura, assente, si pu˛ dire che nell'Italia settentrionale la livrea rimane sempre quella descritta, senza subire considerevoli variazioni. E' totalmente priva di zanne, e quindi totalmente inoffensiva per l'uomo. La bocca, molto grande ed estensibile, Ŕ sormontata inoltre da una fila di squame sopralabiali, la cui distinzione Ŕ nettamente marcata da macchie nere verticali.
E' diffusa praticamente in tutto il continente Europeo, fatta eccezione per la Scandinavia settentrionale, e si spinge ad est sino al lago Bajkal, nell'ex URSS. In Italia Ŕ comunissima ed Ŕ senz'altro il serpente pi¨ diffuso a livello nazionale. Si insedia in una vastissima gamma d'ambienti, in quanto, a dispetto del nome, Ŕ meno acquatica di quanto si creda, e sovente si rinviene in zone che distano chilometri da ambienti umidi. Si rinviene spesso sulle rive dei fiumi e degli stagni, ma abita anche cascine abbandonate, pietraie, boschi ripari e prati erbosi. La biscia d'acqua Ŕ un animale esclusivamente diurno, che si nutre prevalentemente di anfibi anuri, abitudine che le ha conferito il nome dialettale di "ranarola" negli ambienti veneti. Altre prede consuete sono tritoni, micromammiferi, lucertole, e, molto spesso, anche piccoli pesci quali ghiozzi ed alborelle. Un fatto molto curioso Ŕ costituito dalla particolare predilezione che le rane verdi adulte, che come giÓ detto costituiscono la preda preferita della biscia d'acqua, sembrano avere per le natrici neonate, quasi a voler mantenere un equilibrio tra i predatori e le prede. Si tratta di un animale dall'indole molto mansueta, tant'Ŕ che non tenta mai di mordere: se minacciata, infatti, adotta un curioso sistema di sopravvivenza che consiste nel fingersi morta, voltandosi con il ventre verso l'alto, spalancando la bocca, e secernendo dalla cloaca un liquido nauseabondo, caratteristica, quest'ultima, riscontrabile in quasi tutti i colubridi. Se si trova nelle condizioni di dover rispondere agli attacchi per forza, allora appiattisce il capo ed inizia a sibilare molto forte, sferrando colpi fulminei a bocca serrata, contro l'aggressore. L'accoppiamento Ŕ situato tra Aprile e Maggio, e la femmina, all'inizio dell'estate, depone 30-40 uova della lunghezza di 3cm, in un luogo sicuro, che possa mantenere costante la temperatura necessaria allo sviluppo degli embrioni: ecco perchÚ spesso si riscontra la presenza di un nido nei fienili, tra le foglie in decomposizione o nei letamai, luoghi in cui la fermentazione del materiale organico conferisce alle uova il calore dovuto. Nel lasso di tempo di sei settimane avvengono le schiuse: i piccoli forano il guscio calcareo dell'uovo con l'aiuto di un dente molto sviluppato, che scompare in pochi giorni dopo la schiusa. I piccoli serpenti sono molto vulnerabili ai predatori, e alla nascita, misurano circa 15-20cm. Si tratta di un serpente estremamente agile, sia a terra sia in acqua, ed Ŕ molto facile vederlo mentre si crogiola al sole sulla riva. Sul finire dell'autunno, in Novembre, questi rettili raggiungono il proprio giaciglio invernale, spesso condiviso con altri serpenti o rospi, e riprendono l'attivitÓ giÓ in Marzo. E' protetta in tutta Italia con severe norme, in quanto la popolazione Ŕ abbastanza minacciata dalla distruzione dei biotopi.

Fortuna, Sharpshooter, Doudou has marked this note useful
Only registered TrekLens members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekLens members may write critiques.
Discussions
ThreadThread Starter Messages Updated
To maestramari: siRedrubin 4 05-29 16:25
To maestramari: coluber?cobra112 1 05-29 00:48
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

Olß Roberto,

Fantßstica fotografia com excelente "timing"!
ParabÚns e um grande abrašo,
Sergio

Hi Roberto,
Great capture, but what ISO was this taken with? I ask because it looks slightly grainy. Perhaps this could be reduced by adding more shadows, or otherwise using a lower ISO. Well spotted.

TFS,
Scott.

Ciao Roberto, sembrerebbe un Coluber viridiflavus (biacco)
Se ti pu˛ essere utile:
distribuzione: tutta Italia, con Natrix natrix e' l'ofide italiano piu' comune
dimensioni: lunghezza massima circa 200cm, il maschio e' generalmente piu' lungo della femmina
habitat: lande assolate e boscaglie,muretti a secco, campi, prati, corsi d'acqua, ecc.; fino a 2000m
alimentazione: sauri, mammiferi,uccelli,pipistrelli,serpenti,uova e anfibi
note: il piu' mordace serpente italiano, al Sud sono piu' comuni esemplari melanotici (neri). Un saluto mari

Ciao Roberto
What a dangerous capture my friend
Amazing job
Thanks
Burak

si come giÓ detto a mari
questo non morde!
da noi i bambini ci giocano all'asilo.
bella immagine e lingua biforcuta come uno da Spoleto che h conosciuto in TL

ottima la definizione
ciao

  • Great 
  • ayse51 Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 2092 W: 144 N: 2110] (27563)
  • [2009-05-29 2:56]

Hi Roberto,
great shot.Nice moment you catch.congratulations.Necla.

Ciao Roberto, eh hai ragione, alla larga, ha anche la lingua biforcuta:), bel ritratto sono contento di sapere che eri a debita distanza, ciao Silvio

ottima cattura anche se c'Ŕ un pochettino di rumore (hai provato a ripulirla con net immage)comunque considerato che era meglio non avvicinarsi hai fatto un ottimo lavoro
buon weekend

ehh chiamalo amico,
non hai pensato di metterlo a posto della tua foto, anche se di razza differente? Scherzo...non sarÓ stato facile metterlo in posa.
saluti
Giuseppe


p.s. riprender˛ l'attivitÓ su TL giovedý prossimo, spero con un buon bottino di foto.

  • Great 
  • Doudou Gold Star Critiquer/Gold Note Writer [C: 667 W: 2 N: 1533] (8802)
  • [2009-05-29 11:03]

Bonjour Roberto,

Il y a des endroits o¨ il fait bon se promener, mais o¨ il est impÚratif de regarder o¨ l'on met les pieds!!!!
Une jolie frimousse pour ce petit reptile qui me semble si je ne me trompe pas ŕtre une vipŔre, donc Roberto attention Ó sa morsure!!!
AmitiÚs
Odile

  • Great 
  • vanda Gold Star Critiquer/Silver Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 751 W: 47 N: 1333] (7051)
  • [2009-05-29 14:59]

Grandeeee!
Brrr....mi fa un po' impressione...spero di non incontrarlo.
Ciao. Vanda

Hi Roberto.

Superb shot, good definition of the eyes and "fork tongue". Great colours of this snake.
REgards.
Elisabete

Ŕ carinissimo, ci piacerebbe incontrarlo. La maestra dice per˛ che Ŕ difficile perchŔ scappa sempre quando sente rumore. Grazie la II C.

Calibration Check
















0123456789ABCDEF